Loading

Fritto non fritto

HomeBlogPasta la parolaFritto non fritto

2021, pandemia, boom nelle vendite di impastatrici, robot da cucina e lei, la friggitrice ad aria.
Quella che viene presentata come il nuovo ritrovato della scienza e della tecnica, è in realtà in commercio dal 2010.
Sviluppata in Olanda, ad oggi è ancora Philips (il produttore originale) a detenere i brevetti per questa tecnologia.
Rispolverata da chissà quale meandro sconosciuto la friggitrice ad aria, o più elegantemente conosciuta come “air fryer”, è diventata una parte dell’organico di molte case.

Il fritto ha sempre avuto il suo fascino, simbolo di festa e di opulenza, di una tavola ricca e gioiosa; se prima era destinato a poche occasioni oggigiorno se ne fa un uso fin eccessivo.
Questa macchina si pone a soluzione di alcuni problemi che il fritto si porta dietro: non è più necessario immergere nel grasso il cibo, meno calorie, meno pericoli se si pensa a una marmitta di olio ustionante sul fornello, e niente odori che impregnano te e la casa per una settimana.
A livello pratico è una bella mano, che sia poi per moda, per una cucina apparentemente più sana o per curiosità, chissà.

Arriviamo al dunque: 2022, il Lock-down come un incubo che si spera rimanga lontano, e ‘sta benedetta friggitrice che ormai è sul pianale della cucina.
La febbre da fritto impervia ancora. D’altronde si sa, fritta, è buona pure la carta del giornale.
Carne, pesce, carboidrati di ogni tipo, merendine, e chi più ne ha più ne metta.
La domanda “cosa posso friggere” raggiunge presto gli estremi di cosa “non posso friggere”, sconfinando anche in sfide pericolose. Fortunatamente non diffusa o famosa in Italia “la frittura dell’acqua”, bomba a orologeria che ha causato non pochi feriti e danni in altri confini.

Tutto sommato il coronare della friggitrice ad aria è stato indolore: la sfida?
Ficcare qualsiasi cosa che v’è di commestibile in questa astronave.
Ed è arrivato, infine, il gesto dissacrante che rende una moda indelebile: la pasta.
E se il risultato stupisce, ottenendo qualcosa di simile (come idea) a delle nuvole di drago o degli snack particolarmente croccanti, il web si scatena presto.

Si sprecano i video, tra cui regna Tik Tok, in cui persone d’ogni tipo da ogni lato del mondo si cimentano in modo più o meno fiducioso, nel friggere della pasta. Chi la mette cruda (e ci si augura abbia un’assicurazione che copra il dentista), chi cotta, chi scotta, chi la passa prima in padella e chi dopo, chi la condisce col sugo, con salse o spezie, un gran disordine insomma.
La “teoria” non è cattiva però.

Molto (ma mooolto) alla lontana possiamo pensare alla pasta scaldata in padella, quella avanzata, a cui si fa fare una bella crosticina, magari con del formaggio. O ancora a ricette della tradizione come la frittata di scammaro, che prevedono una lunga rosolatura degli spaghetti nel tegame. La potenzialità viene presto presa al balzo, per creare, ispirandosi a questo trend friggi-pasta, uno snack.
La cosa che più lascia perplessi, ma neanche troppo, è che sia stato proprio un marchio italiano storico a italianizzare, o almeno provarci, questa moda usandola come strategia di marketing.

La pubblicità classica è infatti inutile, ed è bastato presentare il prodotto sui social, associandolo al trend originale, per avere una copertura da superstar. PAI, Prodotti Alimentari Industriali (attiva dagli anni ’50), ha ideato due snack a forma di pasta, gusto pomodoro e basilico. Da sottolineare la forma, poiché la composizione, per dirla terra terra, son patate.
Strategia di marketing strabiliante, e dimostrazione di come un’azienda storica possa avere uno spazio nel mondo contemporaneo senza esserne investita.
Tutto sta a vedere, ora, se questi snack son davvero buoni, e se possono vincere il critico ego degli italiani.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi marcati con * sono obbligatori.

Shopping Basket
error: Il contenuto è protetto