Loading

SPÄTZLE, DA BOLZANO ALLA BAVIERA

HomeBlogFormeSPÄTZLE, DA BOLZANO ALLA BAVIE...

Piccoli gnocchetti dalla forma irregolare, a base di grano tenero, uova e acqua.

Origini

Vedono le loro origini non in Italia ma dalla vicina Germania del Sud, più precisamente nella regione della Baviera. Diffusissimi in Trentino-Alto Adige, Tirolo, Svizzera e Germania, sono principalmente consumati come contorno a piatti di cacciagione e carni ricche di intingolo.

Cucina

E se in tedesco “spätzle” significa “passerotto” proprio per riprendere questo tipico accostamento tedesco a piatti di cacciagione, li troviamo anche in altre forme e sapori, ben più sfaccettati:

Käsespätzle: a base di formaggio gratinati al forno con l’Emmental e guarniti con filetti di cipolla fritta;

Spätzle Saitenwürstle: gnocchetti bianchi serviti con würstel e lenticchie stufate;

Krautspätzle: aromatizzati con maggiorana, erba cipollina, timo, finocchio selvatico e cotti in un soffritto a base di burro e cipolle;

Leberspätzle: conditi con una salsa a base di fegato;

Ma si trovano anche in versioni dolci, Kirschspätzle e Apfelspätzle, serviti con ciliegie e miele o zucchero e cannella.

In Italia pur essendo un piatto immancabile del Trentino-Alto Adige, si possono trovare nei banchi di pasta fresca di alcuni supermercati sparsi per la Penisola, per consumarli come comune primo piatto, soprattutto durante i giorni festivi o il giorno di Natale, in cui si preparano colorati di verde e di rosso grazie all’aggiunta di spinaci e barbabietole nell’impasto. La ricetta più comune e tradizionale è quella degli spätzle conditi con una salsa a base di panna e speck o salsiccia. La ricetta natalizia è, invece, quella degli “Spätzle mit Zungle” ovvero conditi con la lingua di manzo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

I Commenti sono chiusi

Shopping Basket
error: Il contenuto è protetto