Loading

CASUNZIEI

HomeBlogFormeCASUNZIEI

Tipico formato di pasta fresca ripiena dalla sfoglia molto sottile a forma a mezzaluna, si tratta di una pasta all’uovo il cui ripieno è generalmente composto da un impasto preparato con patate lessate e polpa di rapa rossa. Possiamo trovare questo formato di pasta chiamato con altri nomi come casonciei, casanzes, csanzöi, schlutzkrapfen, schlickkrapfen, schlierkrapfen e schlipfkrapfe.

Origini

Sono una pasta tipica della zona della Ladinia, l’area che comprende il territorio del Comelico, Cadore, Agordo, Val di Zoldo e Ampezzano, nella parte settentrionale della provincia di Belluno così come nelle zone di Trento e del Tirolo. Secondo l’area di produzione i casunziei possono presentare alcune differenze, soprattutto per quanto riguarda il ripieno. In Comelico vengono preparati con un ripieno particolare costituito da menta selvatica sminuzzata e mescolata alle patate lessate, oppure con crauti, pancetta e cipolla. Nell’Ampezzano, invece, la rapa rossa è l’ingrediente principale. Nell’Agordino e in Val di Zoldo è diffuso preparare i casunziei con il ripieno di zucca. In passato, i casunziei venivano fatti in casa con i prodotti che la terra offriva e, per questo, non era infrequente che venissero impastati coi semi di papavero tostati, il burro di malga e la ricotta affumicata. Vengono spesso consumati durante i pasti invernali e, in particolare, durante le festività natalizie.

Cucina

I casunziei si tingono della stagione in cui vengono realizzati: in inverno sono per lo più rossi, colorati dalle barbabietole, in estate, invece, sono gli spinaci selvatici a dare loro la caratteristica tonalità di verde; in autunno è spesso la zucca a tingerli di giallo, né mancano di vestirsi di viola, quando l’ingrediente principale diventa il radicchio. La tradizione vuole i casunziei con burro fuso, erba cipollina e Parmigiano Reggiano mentre alcuni, nostalgici, aggiungono i semi di papavero e altri si aprono alla contemporaneità farcendoli di asparagi e bacon croccante. In alcune zone, poi, vengono serviti in primavera con un ricco ragù a base di verdure e accompagnati con dadini di speck saltati in padella.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi marcati con * sono obbligatori.

PASTIFICIO FAMIGLIA MARTELLI

Visualizzazioni di pagina: 250 A Lari, incorniciato dalle alte mura dell’antico borgo medioevale, si trova il Pastificio Famiglia Martelli. Un pastificio artigiano...

FEUDO MONDELLO

Visualizzazioni di pagina: 564 Nella Valle del Belice la famiglia Agosta coltiva, dalla metà dell’800, i terreni dell’antico Feudo Mondello. Con l’aggiunta...

PASQUALE LAERA

Visualizzazioni di pagina: 400 Pugliese per nascita, piemontese d’adozione e, a detta di tutti, estremamente capace: Pasquale Laera ha inaugurato nel 2019...

LINGUINE AL BACCALÀ

Visualizzazioni di pagina: 545 Ingredienti per 4 persone 320 g linguine300 g baccalà250 ml passata di pomodoro50 g olive nere10 capperi dissalatiuno...

GNOCCHI ALLA ROMANA

Visualizzazioni di pagina: 530 Ingredienti per 4 persone 1 l di latte250 g semolino100 g Pecorino Romano100 g burro2 tuorliqualche foglia di...

SARDEGNA: MALLOREDDUS

Visualizzazioni di pagina: 525 Tra le declinazioni dei malloreddus, o gnocchetti sardi, originari del Campidano, si conta una grande varietà di formati...

Shopping Basket