zucche

MANTOVA, I TORTELLI DI ZUCCA

Le prime testimonianze di questo piatto si hanno nel Basso Medioevo, ma è grazie all’influsso della corte dei Gonzaga e all’affermazione della cucina barocca che si ottiene quello che oggi è un caposaldo della cucina mantovana: i tortelli di zucca, perfetto equilibrio tra zucca, amaretti, mostarda, e Parmigiano Reggiano o Grana Padano. Il ripieno varia a seconda delle influenze territoriali, così, oltre agli immancabili amaretti e Parmigiano Reggiano, si aggiungono mostarda di mele o di pere, a base di senape o fritta e ancora pinoli, scorza di limone, cannella e persino uvetta e cacao o, addirittura, vin cotto.

DOVE TROVARLI:

In collaborazione con Passione Gourmet.

Locanda delle Grazie
Via San Pio X 2, Grazie di Curtatone (MN) – Telefono 0376 348038
https://www.facebook.com/locanda.dellegrazie/

Siamo a Curtatone, un comune sul Mincio nel cuore dell’omonimo parco, facente parte dell’antico Serraglio che i Gonzaga utilizzavano per difendere Mantova. Oltreché un’appagante sosta per il palato, un pranzo alla Locanda rappresenta un’esperienza didattica, utile a comprendere l’influenza dell’antica famiglia nobiliare su queste terre. Il cesto dei pani fatti in casa, già presente al tavolo al nostro arrivo, è il preludio al mantovano Antipasto della Luciana: salumi, tra cui spicca il salame, Grana Padano 30 mesi (Mantova è l’unica provincia, assieme a Bologna, in cui vengono prodotti sia Grana che Parmigiano), mostarda, giardiniera fatta in casa, stufato di cotiche e fagioli, polenta in due versioni, cotechino e crauti. A parte vanno menzionati il Luccio verde, per il godurioso contrasto tra la grassezza del pesce di fiume e la salsa a base di acciughe capperi e prezzemolo, e la barocca Insalata dei Gonzaga, ispirata alla ricetta originale del XVII secolo di Bartolomeo Stefani -cuoco di corte- con pinoli, uvetta e aceto balsamico. Dei Tortelli di zucca dalla suadente e calibrata dolcezza, le porzioni, davvero generose, hanno consentito solamente un assaggio di Stracotto di somarina e Baccalà alla mantovana, prima di chiudere con i dessert ad elevato tasso zuccherino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi marcati con * sono obbligatori.