Loading

IL MARINARETTO

HomeBlogI PiattiIL MARINARETTO

Tempo di preparazione

Difficoltà

Ingredienti

di Cleo Albanese al Quadre

Ingredienti per quattro persone

Per l’impasto

100 g di semola

100 g di farina

Un mazzetto di prezzemolo

2 tuorli uova medie

Per il ripieno

150 g di filetti di branzino

80 g di patate bollite

Mezza cipolla bionda

Un pizzico di sale

Mezzo bicchiere di vino bianco

Una manciata di mandorle

Erbette (timo oppure salvia ma anche, di nuovo, prezzemolo)

Olio EVO

Il Marinaretto di Cleo Albanese al Quadre di Torino


Preparazione

Per prima cosa mettete a bollire, in circa 150 g di acqua, il prezzemolo e lasciatelo cuocere per circa 5 minuti. Salate leggermente l’acqua così che il prezzemolo mantenga il colore. Scolatelo e mettetelo in acqua e ghiaccio per qualche secondo, poi frullate il prezzemolo con circa 100 g della stessa acqua. Impastate le farine con i due tuorli e aggiungete, poco per volta, l’acqua in cui avete frullato il prezzemolo. Il tipo di farina influisce sulla quantità di acqua necessaria, quindi fate attenzione quando versate il liquido o, se non vi sembra sufficiente, aggiungete acqua o uno dei due albumi. Impastate con calma fino a quando non avrete ottenuto una palla liscia di pasta che non resta appiccicata alle mani. Lasciate riposare l’impasto per circa mezz’ora. Nel frattempo tritate la mezza cipolla, che andrà rosolata in un filo d’olio EVO. Aggiungete i filetti di branzino spellati e spinati, tagliati a tocchetti e le patate bollite schiacciate solo con la forchetta. Sfumate con il vino bianco e aggiungete un pizzico di sale. Lasciate cuocere qualche minuto, avendo aggiunto un mestolo d’acqua. A fine cottura schiacciate il tutto con una forchetta e lasciate raffreddare.Stendete la pasta in sfoglie sottili per iniziare a preparare i ravioli. Disponete il ripieno con un cucchiaio su una delle sfoglia e copritelo con una seconda sfoglia, chiudete bene, con le dita, facendo attenzione a non lasciare aria all’interno; con un coppapasta eliminate la sfoglia in eccesso. I vostri ravioli sono pronti per essere buttati nell’acqua salata portata ad ebollizione. Scolate dopo circa 3 minuti e mantecate in una padella con una noce di burro e una erbetta profumata, noi abbiamo scelto il timo. Disponete i ravioli nei piatti e spolverateli con le mandorle tritate o affettate.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi marcati con * sono obbligatori.

Shopping Basket