Celentani

CELLENTANI

Maccheroni a forma elicoidale, i cellentani sono tubi rigati, fatti a  mo’ di ricciolo. La loro duplice apertura e l’importante zigrinatura permettono a questo formato di raccogliere anche i sughi più evanescenti, per questo si tratta di un formato molto amato e diffuso nella Penisola, dove sono chiamati anche cavatappi, spirali, amori o tortiglioni.

Origini

La loro storia nasce a Parma, nell’azienda Barilla, dove intorno agli anni ’70 furono prodotti per errore da una trafila che avrebbe dovuto dare origine a una tipologia dritta. Spesso, però, dietro a un errore si cela un successo commerciale, incoraggiato per giunta dal chiaro riferimento a quello che era, nel nome, un’icona di quel momento storico: Adriano Celentano. All’estero, soprattutto in America, i cellentani sono molto usati per il mac’n cheese, la cui prima ricetta si trova nel volume “Boston Cooking-School Cook Book” datato 1896 di Fannie Farmer, dopo che era diventato abbastanza popolare da presenziare perfino ai banchetti dei padri fondatori.

Cucina

I cellentani sono indicati con qualsiasi tipo di condimento, rispondono bene tanto alle esigenze della carne quanto a quelle delle verdure, passando per la delicatezza del pesce mentre, come ci insegnano gli americani, sono perfetti con tutte le salse al formaggio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi marcati con * sono obbligatori.